La stampa 3D ha ormai raggiunto livelli di qualità sorprendenti: quello che fino ad appena qualche anno fa sembrava fantascienza, oggi risulta realizzabile, se non superato. Il Giappone è sempre stato un Paese all’avanguardia sul piano tecnologico. Inevitabile che dal loro “incontro” sia scaturita un’idea particolare.

Si tratta di una stampante alta ben 4 metri, messa a punto da Genkei con l’importante contributo della Tokyo University of Arts and Design. Il colosso, che certamente non mancherà di attirare l’attenzione di esperti e curiosi, è destinato ad animare il Tokyo National University of Fine Arts and Music Museum, dove sarà in mostra dal 19 luglio fino all’8 agosto.

L’assemblaggio, per questioni pratiche facilmente intuibili, avverrà direttamente all’interno del museo, dove i visitatori avranno modo di ammirare il gigantesco apparecchio in azione, nell’atto di “plasmare” gli oggetti commissionatigli. Forse nel suo genere questo prodigioso aggeggio rappresenta, per dimensioni, un unicum; ma il record potrà essere sancito solo dopo il funzionamento pubblico.

Dai primi esperimenti sembra che tutto marci a dovere, sebbene dai video fatti circolare si ha l’impressione che la velocità non sia uno dei pregi più evidenti della macchina. Il che solleva qualche dubbio su convenienza ed efficienza, visto che un simile “bestione” è stato sicuramente concepito per produrre pezzi di grandi dimensioni. Ma è di certo presto per esprimersi in tal senso. La curiosità prima del collaudo ufficiale continua a montare.

Cosa creereste disponendo di un simile macchinario?

L’articolo è tratto da: http://bit.ly/1oZyvTn

Leave a comment