Un’altra meraviglia “sfornata” grazie alla stampa 3D; forse dovremmo imparare a non stupirci più… Dopo oggettistica evoluta, giocattoli, pasta e protesi mediche, ora tocca alle motociclette elettriche. Uno dei progetti più interessanti che vanno in questa direzione riguarda il Gruppo CRP di Modena, che attraverso un innovativo processo di stampa additiva è riuscito a concretizzare quello che fino a non molto tempo fa sarebbe sembrato impossibile.

Prima di approdare in tour in Italia, in Germania e negli USA, l’occasione scelta per la presentazione di Energica Ego, così si chiama la serie di due ruote non inquinanti in questione, è l’esposizione internazionale sui beni di lusso Top Marques Monaco 2014, la cui undicesima edizione si terrà a appunto Montecarlo dal 17 al 20 aprile prossimi (ma i più impazienti sappiano che ci sarà una preview, dal 9 al 16 dello stesso mese, presso il Métropole Shopping Center del piccolo principato).

Si tratta di una vera e propria superbike, con prestazioni da competizione, e farà il suo debutto in un contesto che scommette particolarmente sui mezzi “verdi”; infatti, sfileranno anche varie automobili dello stesso genere.

Il modello in edizione limitata che verrà mostrato si chiama esattamente Ego 45 (così denominato per festeggiare il quarantacinquesimo anno di vita del gruppo che lo produce), ed ecco una sua peculiarità: il rivestimento sfoggia dettagli in Windform, “specialità” dell’azienda, rifiniti dagli inglesi di Zircotec. E per le comunicazioni c’è il sistema Bluetooth. Roba per intenditori, insomma.

Sul versante ecologico, i 100 chilowatt di potenza della moto consentirebbero una velocità culminante (e fulminante) in 240 chilometri orari. Tutto questo grazie alle stampanti 3D, che permettono ormai di costruire componenti e prototipi in breve tempo. Una notizia che interesserà solo i “centauri”?

Leave a comment