Una mostra che è anche un’occasione di scambio. Un modo per conoscere e conoscersi, nonché un esempio di arte democratica. Perfino un’esperienza… mnemonica.

Nell’ambito dell’arte della fotografia a Palermo, ha preso il via alla fine di settembre, avvicendandosi a Photo on The Road, partita a luglio, e durerà fino al 30 novembre presso il Café Cartari (situato nella via omonima, nel centro storico), Photo Straight on Street. È una mostra a ingresso gratuito – che ricalca gli orari del locale – ideata dalla Stabile e incentrata su una moderna formula espositiva.

Cos’è il “photocrossing”?

Rispetto ad altre manifestazioni di questo tipo, la novità sta nel cosiddetto photocrossing. In pratica, fotografi appassionati o di mestiere condividono e sono pronti a barattare il proprio materiale, lasciando ogni volta un’immagine che potrà essere “messa in circolo” nel corso del successivo incontro.

Una traccia di memoria

Questo scambio, che ricorda un po’ quello infantil-adolescenziale delle figurine, in una certa misura caro a tutti, permette un passaggio costante di mano in mano degli scatti a disposizione degli intervenuti. Inoltre, è un metodo per non lasciare che gli oggetti siano necessariamente posseduti da qualcuno, ma al contrario lascino una “scia”, un ricordo a disposizione di tutti.

I nomi in ballo

Gli autori godono una certa fama nel settore. I loro nomi, alla rinfusa, sono Maria Grazia Scardina, Valentina Adile, Francesco Enia, Francesca Landolina, Clelia Burlon, Federica D’Alessandro, Lorena Guadagna, Antonio Saporito, Loredana Di Maio, Daniele Oro, Chiara Catania, Giacoma D’Ignoti.
Volete entrare nel “giro”?

L’articolo è tratto da: http://bit.ly/ZZt0M7

Leave a comment